Esistono antidolorifici alternativi che funzionano perfettamente come le coppette (cupping), le bande adesive (taping kinesiologico) e i più conosciuti cerotti (cross taping). Scopriamo insieme come agiscono sul dolore.

gli-antidolorifici-alternativi


Come funziona il cupping? In pratica si applicano sulla pelle delle coppette di vetro dalle quali si rimuove l’ossigeno usando una fiamma o aspirando l’aria con una specie di pistola. Quando si crea il vuoto la pelle e lo strato sottostante viene risucchiato richiamando più sangue. Esso stimolano il rilassamento del muscolo e aiutano a calmare il dolore. Il trattamento dura al massimo 20 minuti. Questo rimedio si usa come antalgico: è utile per contrastare i dolori e le tensioni muscolari.

Il taping kinesiologico è solamente un nastro colorato adesivo in cotone e tessuto elastico. Non contiene nessuna sostanza chimica. Attenua il dolore grazie a un meccanismo conosciuto come gate control. Lo si può usare durante l’attività sportiva se avete un problema ai muscoli o alle articolazioni.



Infine c’è il cross taping che è simile al taping kinesiologico. In quest’ultimo rimedio però, le bende sono incrociate e non sono elastiche, quindi hanno un’azione più decisa su una superficie più piccola. La speciale conformazione dei nastri consente di stimolare i punti dell’agopuntura in modo da riequilibrare eventuali squilibri energetici.