Oggi parleremo di 2 metodi yoga: lo shakti mat e l’hot yoga. Piccola breve introduzione: nel linguaggio corrente con “yoga” si intende un insieme di attività che comprendono attività ginniche del corpo e della respirazione, discipline psicofisiche finalizzate alla meditazione o al rilassamento,

hot yoga


HOT YOGA

Questo metodo yoga è conosciuto anche come Bilkram yoga e si svolge in un ambiente a 40/45° di temperatura. Per 90 minuti si praticano esercizi di respirazione e una sequenza di 26 posizioni di Hatha Yoga da ripetere 2 volte. Tra i vari benefici ci sono l’effetto depurativo del sudore che elimina le tossine dall’organismo. Di solito le asana si effettuano davanti allo specchio: è una variante intensa che punta sul lavoro muscolare. Il Bilkram yoga non ha controindicazioni ma sarebbe opportuno effettuare gli esercizi non più di una volta alla settimana. Dove potete farlo? A Roma c’è il centro Ryoga, a Milano il Downtown-Skorpion. Altri centri di Bikram Yoga si trovano Pordenone, Padova, Bologna.



SHAKTI MAT

Questo metodo si avvale di uno speciale tappetino per agopressione brevettato da un fisioterapista svedese. Ha una fodera con 230 fiori di plastica con mini punte su cui si appoggiano le varie parti del corpo, stando in piedi, seduti o sdraiati. La stimolazione dei “fiori” provoca il rilascio delle endorfine e ossitocina, ormoni del piacere e del benessere, con effetti benefici su circolazione e difese immunitarie e rilassamento generale. Per avere maggiori benefici, il tappetino andrebbe usato a pelle nuda.