Quando si è stressati non solo il nostro umore ne risente, ma anche il viso e il corpo con dei piccoli segni che possono scomparire con alcuni gesti da eseguire quotidianamente e con costanza.

stress


Lo stress colpisce principalmente la pelle, gli occhi e le unghie.

Zona T e pori dilatati: lo stress si ripercuote sulla pelle, soprattutto sulla Zona T, perché aumenta la sensibilità delle ghiandole sebacee. Questa alterazione rendono i pori dilatati che si riempiono e diventano punti neri. Per risolvere il problema cercate di usare detergenti privi di tensioattivi schiumogeni e a base di oli affini al sebo cutaneo e creme a base di attivi idratanti, antiossidanti e sebonormalizzanti come ad esempio l’acido lipoico.

Via le occhiaie: quando sono appena visibili, basta applicare un’emulsione a base di flavonoidi e vitamina C che stimolano il drenaggio e proteggono i capillari. Se sono più accentuate è meglio intervenire con il filler.



Unghie più fragili: a volte lo stress può portare a mangiarvi le unghie. Per evitare ciò applicate degli speciali prodotti dal sapore sgradevole e cercate di indossare spesso i guanti. Per riparare allo sfaldamento, qualora ci fosse, sono utili formule ristrutturanti ricche di proteine vegetali. Esse sono in grado di rallentare le rotture del tessuto cheratinico.