Come nella vita così anche nel makeup, la base è un elemento fondamentale per un look impeccabile. Per questo la scelta del fondotinta è essenziale affinchè la nostra pelle possa trarre giovamento dai suoi effetti.


In generale esistono molti metodi per mantenere una pelle sana: buona alimentazione ricca di frutta e verdura, cura costante con pulizia e applicazione di prodotti specifici…

Tuttavia laddove bisogna intervenire necessariamente per uniformare l’incarnato, l’alleato di ogni donna è il fondotinta: ecco alcune considerazioni generali.



La scelta del colore è un argomento molto dibattuto ed estremamente importante:  indossare un fondotinta di un tono diverso da quello naturale è uno degli errori più diffusi, e si evidenzia in primis con un antiestetico distacco tra colore del viso e del collo. Il fondotinta dovrà essere tono su tono oppure di un tono appena più chiaro della pelle.

Le varie scuole di pensiero vanno dall’analisi del sottotono (il colore dominante dell’incarnato che ci suggerisce su quali tonalità dobbiamo puntare, rosate o sul giallo) a quella del colore della pelle del polso.

Personalmente nella scelta della pigmentazione più adatta (che spesso si ottiene da un mix di diversi colori) o più vicina alla mia, applico un campione di prodotto nella zona della mascella, tra viso e collo: se il colore si fonderà perfettamente nell’incarnato allora sarà la scelta giusta, altrimenti se lo stacco di colore risulta eccessivo è il momento di cambiare nuance. Questo metodo risulta valido, a parer mio, perchè la zona viso/collo/decolleté è quella più esposta e la più rilevante nell’applicazione del fondotinta.

Un’altro fondamento riguarda l’applicazione. Indipendentemente dal tipo di fondotinta utilizzato, l’applicazione deve essere omogenea e coprire tutte le zone del viso, sino alle orecchie e all’attaccatura dei capelli, e parte del collo con sfumature leggere per evitare il tremendo contrasto di cui parlavamo poco prima

Passiamo ora all’analisi dei diversi tipi di fondotinta per scegliere il più adatto al nostro tipo di pelle.

FONDOTINTA FLUIDO

E’ il più diffuso per la sua versatilità e facilità d’uso. E’ adatto per molti tipi di pelle poichè la texture è estremamente variegata e si adatta ad ogni tipo di esigenza (es. idratante, illuminante o anti-age), così come anche il livello di coprenza può essere più o meno intenso.

La stesura può avvenire in diversi modi: la più semplice con l’utilizzo dei polpastrelli, dopo un’accurata detersione delle mani; il calore delle dita facilità l’assorbimento del prodotto ma rischia una stesura non molto omogenea.

Per questo vengono utilizzati pennelli specifici e spugnette in lattice: i pennelli hanno lunghe setole a lingua di gatto e con essi il fondotinta si stende in leggeri movimenti dall’alto verso il basso o dal centro del viso verso l’esterno; spesso l’effetto è poco uniforme e consiglio l’uso di una spugnetta in lattice inumidita da tamponare sul viso per tendere ad uniformare l’incarnato. In generale la stesura con una spugnetta inumidita da tamponare sul viso a piccoli tocchi e con movimenti leggeri tende a creare un finish omogeneo o molto naturale.

 FONDOTINTA IN CREMA

E’ il fondotinta per le pelli da normali a secche, in quanto ha un formula a base acquosa o arricchita con oli dall’alto potere idratante. La texture è consistente e corposa, ideale per rimpolpare le pelli secche e resistere nel tempo donando tonicità;  spesso viene arricchita con sostanze anti-age, particelle illuminanti e filtro SPF.

Anche in questo casto la stessura può avvenire con diversi modi, tuttavia vista la formula cremosa è consigliabile lasciar asciugare bene il fondotinta prima dell’applicazione di altri prodotti.

FONDOTINTA COMPATTO

Insieme al fondotinta in mousse è il più adatto alle pelli miste e grasse. A differenza di quello in mousse, che si caratterizza per la formula leggera ed impalpabile (donando alla pelle un aspetto opaco e asciutto), il fondotinta compatto  ha una coprenza molto elevata ed un a texture con sostanze che regolano la produzione di sebo.

Si usa con una spugnetta inumidita (spesso in dotazione) per ottenere un incarnato mat ed uniforme, e coprire ogni discromia o imperfezione; l’uso con spugnetta asciutta mantiene invece un effetto meno comprente.

FONDOTINTA MINERALE

E’ un fondotinta composto da polveri minerali, impalpabili e leggere, che donano un colorito uniforme e un effetto mat. E’ consigliato soprattutto alle pelli miste e grasse e normalmente contiene solo pigmenti minerali che lo rendono ecologico e naturale. I fondotinta minerali si possono miscelare per ottenere differenti nuance e si possono applicare sia da asciutti che da bagnati per ottenere minore o maggiore coprenza.

La stesura avviene tramite un pennello a setole molto fitte che prende il nome di kabuki:  il pennello va impregnato del prodotto con movimenti circolatori e poi con i medesimi movimenti applicato su tutto il viso.

L’universo dei fondotinta è variegato e multiforme, se doveste avere qualche curiosità scrivete pure nei commenti e potremo parlarne in un apposito post!