Con l’acupressione, efficace per alleviare i disturbi più comuni, potrete dire addio al dolore con un dito, imparando questa pratica da sole. Questa tecnica esiste da molto tempo: consiste nell’esercitare pressione nei punti in cui si pratica l’agopuntura, senza aghi, usando i polpastrelli delle dita o altri mezzi.

acupressione


Il principio è lo stesso dell’agopuntura: stimolare gli agopunti permette, infatti, di normalizzare le funzioni fisiologiche dell’organismo con effetti benefici sulla salute e sul benessere della persona.

I punti da stimolare si trovano lungo i meridiani, canali che non si vedono ma che sono presenti nel corpo e nei quali, secondo la tradizione cinese, scorre l’energia della vita. Quando il flusso è alterato si presentano dei disturbi e delle malattie.

L’acupressione può contrastare, per esempio, la nausea. Il punto che dovete prendere in considerazione è il PC6, chiamato anche Neiguan: è il sesto punto del meridiano di pericardio. E’ il punto che regolarizza il funzionamento degli organi della regione toracica e gastrica, favorendo i movimenti peristaltici di esofago e stomaco: si trova sulla superficie interna dell’avambraccio, destro e sinistro, contando due dita e  mezzo  dalla piega di flessione del polso.



Questa tecnica è particolarmente utile nella fase acuta dei sintomi dolorosi.