Occorrono pochi esercizi di stretching prima di sguazzare in piscina: eviterete così le contratture muscolari e i crampi.

piscina


Il primo esercizio è questo: prima di entrare in piscina, sedetevi a terra, gambe divaricate, flettete il busto in avanti fino a raggiungere con le mani il piede destro o la caviglia. Mantenete la posizione 20 secondi, risalite ed eseguite o stesso esercizio afferrando il piede sinistro. Fate 10 ripetizioni.

Il secondo esercizio si fa appena entrate in acqua. In piedi con le mani appoggiate alla parete della piscina, piegate in avanti la gamba destra e allungate indietro l’altra, tenendola tesa. Mantenete la posizione 20 secondi. Poi eseguite piegando in avanti la gamba sinistra. Ripetete 5 volte per parte.



Il terzo esercizio si esegue sempre in acqua. Mettetevi in posizione eretta, appoggiate una mano al bordo della piscina per controllare l’equilibrio. Afferrate quindi il piede sinistro da dietro e avvicinate il tallone al gluteo finché potete. Contate fino a 20 e poi eseguite con il piede destro. Fate 10 ripetizioni in tutto, alternando.

Infine nel quarto esercizio dovete mettervi davanti alla scaletta, sollevate la gamba destra a 90° e appoggiate il piede su un gradino. Poi ruotate verso sinistra in modo che la scaletta rimanga a lato. Mantenete la posizione per 20 secondi, eseguite per 5 volte e ripetete l’esercizio sull’altra gamba.