La CO2 è uno dei materiali di scarto generati dal corpo a seguito dei processi metabolici attivati dall’ossigeno trasportato dai globuli rossi nelle cellule che viene poi rimessa nella circolazione sanguigna ed eliminata quando arriva nei polmoni.

cellulite co2


Favorendo un maggiore apporto di sangue e ossigeno negli strati più profondi della pelle con la carbossiterapia, è possibile ridurre gli inestetismi con ottimi risultati, specie nel primo e nel secondo stadio. La seduta dura più o meno 15/20 minuti, è indolore e consiste nell’immissione di piccoli aghi nella zona interessata. Poiché l’anidride carbonica si diffonde molto bene anche da sola, bastano poche iniezioni.

Questa metodica è molto efficace anche per la pelle del viso e per distendere le rughe. Il ciclo ideale prevede dalle 6 alle 10 sessioni 1/2 volte l’anno. Non sono state riscontrate controindicazioni ma solo restrizioni per chi è in stato di gravidanza e per le persone affette da gravi affezioni croniche. Il meccanismo è lo stesso per quello della cellulite ma velocità e flusso di veicolazione del gas sono ridotti. Sul contorno occhi, che presenta una texture cutanea più delicata, la presenza dell’anidride carbonica può persistere qualche ora prima di essere eliminata, provocando un piccolo gonfiore.



Recenti studi hanno dimostrato come la tecnica della CO2 possa essere usata in modo efficace anche sui processi dolorosi sostenuti da alcune malattie muscolari, articolari e tendinee.