Fino a poco tempo fa si pensava che le smagliature fossero dei “strappi” che mai sarebbero andate via: un mito sfatato visto che ora, grazie all’evoluzione della medicina estetica, potete fare a meno di queste imperfezioni della pelle.


Oggi grazie ad apparecchiature tecnologiche di alto livello potete aspettarvi un significativo passo avanti per contrastare le smagliature. I trattamenti medico-estetici portano a una diminuzione in estensione e profondità delle lesioni e a una pelle più uniforme e compatta. Il successo cambia in base alla tipologia delle strie: su quelle rosse grazie al laser si possono aspirare in maniera quasi perfetta. Su quelle bianche l’aspettativa è più diversa.

Ci sono varie metodiche per contrastare le smagliature: c’è la pulse dye laser e la luce pulsata per quelle rosse, la radiofrequenza e il needling per quelle bianche.



Il pulse dye laser è una luce bene assorbita dall’emoglobina. Va diretta ai vasi capillari, sviluppa calore al loro interno e quindi dentro la smagliatura. La luce pulsata invece stimola il derma riattivando i fibroblasti e favorendo un processo riparativo.

Per le smagliature bianche c’è la radiofrequenza frazionata con micro aghi con la quale si riesce a stimolare i fibroblasti pur in assenza dei capillari arrossati. Il needling infine è un trattamento mini-invasivo che produce una bio stimolazione meccanica attraverso uno strumento dotato di più aghi molto sottili.