Il filler biodinamico è indicato per correggere le zone del volto che caratterizzano l’espressione come gli zigomi, il contorno occhi e le labbra e per riempire qualsiasi ruga dalle più sottili alle più profonde.

filler


| Filler biodinamico: che cos’è

In alcune aree del viso può succedere che il filler, accumulandosi sotto pelle come materiale che non serve, diminuisce la plasticità del volto e la sua naturale espressività. Per saltare questo inconveniente è stato creato un nuovo filler biodinamico, creato da un brevetto svizzero, che si muove insieme alle espressioni del viso promettendo risultati molto naturali.

Le zone più a rischio di inespressività, legate all’effetto filler classico, sono quelle più mobili ovvero quelle della bocca, del contorno occhi e degli zigomi. Grazie ad un nuovo processo brevettato, il Preserved Network, che è un nuovo acido ialuronico che funge da elasticizzante: è talmente intenso che riesce a integrarsi perfettamente nel derma. In pratica asseconda tutti i movimenti causati dalla mimica facciale e perciò consigliato soprattutto per quelle zone e non per altre che non si muovono.

Un altro aspetto da considerare è la particolare formulazione di questo nuovo acido ialuronico che ne consente un riassorbimento più lento: l’effetto dura circa 10 mesi in tutte le zone rispetto alle 7 di quello classico.